L’importanza di essere istruiti il più possibile

L’attitudine razionale, la serenità di giudizio, un’incoerenza che si invera solo quando a farti cambiare idea è proprio l’evidenza oggettiva che la tua fosse sbagliata, insostenibile, illusoria. Ecco, tutto questo non è solo caratteriale. É igiene mentale. Significa scegliere una vita serena e tranquilla anziché le esaltazioni, i sogni che si avverano schiavizzandoti, i fumi della cupidigia, della superbia, dell’ira, della prepotenza, della golosità ecc…
In tutto questo è l’istruzione a giocare da protagonista. Non l’istruzione familiare che alcuni “profughi” vogliono diffondere per derogare alla laicizzazione e all’occidentalizzazione dei loro figli, ma proprio la scuola pubblica, la più pubblica e responsabilizzata possibile.
Lo studio cambia e migliora la mente. È medicina contro uno stato di bestialità che è in noi naturale, ma immorale, pur se innocente. Gli innocenti non sanno la differenza tra bene e male, e li confondono quando agiscono in estasi e misticismo divino, egoistico, altruistico.

Annunci

Donne VS Uomini

Scommetto che nella maggior parte dei casi, l’occhiolino viene fatto a un maschio più prestante rispetto alla donna che fa l’occhiolino.
La colpa è anche nostra: non ci piace un rapporto con una donna alta quanto noi.
Questo ha portato in migliaia d’anni di giungla a selezionare uomini alti e donne basse, uomini con il 20% di forza muscolare in più e donne con un cervello più interconnesso (ma meno capacità cranica, per motivi fisici legati al resto del discorso di cui sopra).

Poi c’è l’aspetto comportamentale. La donna cerca l’uomo che la difenda. Siccome non viviamo più come i gorilla ma siamo organizzati socialmente in città, le donne cercano i maschi che tengono in pugno la società. Le vette più alte da loro raggiungibili (e cavalcabili).

Già questo fa capire che l’eterosessualità maschile è diversa da quella femminile: mentre nel maschio ci sono LE donne, ci sono episodi dove rischiano tutto di sé mettendolo in gioco, ma poi dimenticano e pensano alla tacca successiva, alle donne tutto questo fa schifo perché loro pianificano. In altre parole l’eterosessualità maschile castra l’eterosessualità femminile e quella femminile castra il maschio.
Il maschio colleziona, la femmina seleziona. Il maschio semina il più possibile, al di là delle sue stesse intenzioni, la femmina punta tutto su una corsa sola (anche perché non ha il tempo dalla sua).
Questo vuol dire che l’approccio femminile è falsato dall’immagine che ha del maschio. Il maschio quando imbocca una strada non pensa, la percorre fino alla fine. Oppure è uno che ci ripensa anche su altro, su altro che alla femmina sta a cuore, e vuole tornare sui suoi passi. Comunque stiamo parlando di un carattere lineare che insegue capricci che gli parlano di eterna giovinezza, di magia ecc. anche sessuale. Cosa che non vuole perdere, lì per lì, ma poi vuole dimenticare per ritrovarla domani come nuova, magari con altri colori.

Le donne che approcciano un maschio “bullo” sono come quegli amanti dei felini che si tengono il leone in casa. Compiono lo sbaglio di pensare che basti il sentimento, quando è comunque il sentimento di un animale, animale che peraltro vogliono quando lo mettono a guardia del castello in cui abitano. Queste donne sono mentalmente delle sedicenni, perché di bulli che rimorchiano se ne trovano giusto a scuola.
Le donne che approcciano il maschio evoluto, quello che ti fa fuori in tribunale, stanno in una situazione ancora peggiore perché possono perdere la prole legalmente, e passare conseguentemente la vecchiaia sole: che è poi il motivo per cui figliano.

I maschi hanno inventato l’amore (probabilmente è stato loro ispirato dai gatti, e non sto scherzando, che seguivano dappresso le dimore dove le donne cucinavano) perché credono sia linguaggio femminile. Quando approcciano le donne hanno un temporaneo abbassamento di ormoni maschili e della loro aggressività. Al contempo gli ormoni maschili e l’aggressività salgono nella donna corteggiata. Non so la situazione femminile come evolva poi, ma so che il maschio non regge a lungo questa autocastrazione rituale.
Le donne hanno inventato la fedeltà (probabilmente ispirate dai cani che accompagnavano a caccia i maschi) perché è loro funzionale al progetto di vita (senza il quale saremmo estinti, ossia la famiglia, che coinvolge maschi recalcitranti). L’infedeltà per pochi spicci, tipica della prostituzione, è al contempo il residuo di ciò che c’era prima le società matriarcali (quando le femmine di uomo i figli che volevano se li crescevano da sole) e una opzione ritenuta stupida dalle donne (“potresti avere una vita più felice”).

La parabola di Fare

Io ho una mia opinione su ciò che avvenne.
C’era da impedire ai grillini non solo di essere parte del Governo, ma anche almeno di avere praticamente tutte le presidenze di commissione parlamentare, che di solito capitano all’opposizione.
Vennero messe su tre liste civetta per intercettare il voto di protesta e impedire che confluisse nel M5S.
SEL lo era del PD (IDV, identico strumento di un Veltroni che diceva di non volersi alleare con nessuno, a sta tornata intanto moriva…). Fd’I lo era del PdL (Berlusconi non fece alla Meloni la guerra che fece sia a Fini che ad Alfano, mentre i colori di AN andavano a sto partitino). E infine Fare (fatta di prof allocati dall’alto e non eletti in alcun modo da noi) lo fu di Monti.

Avvenne che mentre le prime due liste civetta giocavano di rimessa, FARE arrivava alla vigilia del voto con sondaggi che la accreditavano addirittura del 7%, mentre gli stessi sondaggi dicevano a Bersani che il disegno post elezioni di smollare SEL (cosa immorale, visto che il PD veniva premiato elettoralmente in quanto coalizione rispetto al M5S) e mettersi con Monti era impossibile (e fu ciò che provocò la scissione del PdL dopo la cacciata di Berlusconi dal Senato e la sua non agibilità politica).
Qualcuno sapeva che Monti, questo nosferatu delle tasse, non avrebbe saputo prendere i voti del centro, né quelli che gli portava in dote la sua presidenza a Palazzo Chigi, né quelli dei vari Fini e Casini (nonché il Montezemolo con cui Fare voleva avere qualche rapporto). Ecco perché si scelse il decapitabile Giannino ed ecco perché Boldrin fece tutto quel casino con la DN che cercava di salvare il salvabile e poi rimasto solo al timone invece di aggregare voti ha finito per distruggere il pochissimo rimasto. Ed ecco perché Zingales fu premiato con il posto di consigliere di amministrazione all’Eni.
D’altronde Fare era pieno, nella sua sezione romana, di statali. E gli statali non pensano certo al taglio dei loro stipendi.

Però questa è una mia ricostruzione.