Un’interpretazione personale dell’Infinito leopardiano

Giacomo Leopardi L’infinito «Sempre caro mi fu quest'ermo colle, e questa siepe, che da tanta parte dell'ultimo orizzonte il guardo esclude. Ma sedendo e mirando, interminati spazi di là da quella, e sovrumani silenzi, e profondissima quïete io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura. E come il vento odo … Continua a leggere Un’interpretazione personale dell’Infinito leopardiano

Annunci

Jean-Nicholas Arthur Rimbaud

Cos'è il genio? Non lo saprei definire esattamente. Di certo un uomo di genio e un uomo di talento hanno qualcosa in comune, nel senso che si staccano dalla massa ma la beneficiano. Epperò, mentre il talentuoso comunque deve applicarsi per arrivare a un risultato, il genio sembra essere già "sulla preda". Il mondo ha … Continua a leggere Jean-Nicholas Arthur Rimbaud